News 19/04/2018

RICCARDO GISMONDI: L'INTERVISTA DI PERSONE&CONOSCENZE

Persone&Conoscenze ha intervistato Riccardo Gismondi, Direttore della Divisione BluBe. Riportiamo di seguito il testo dell'intervista apparsa sull'ultimo numero del magazine dedicato ai temi delle Risorse Umane e del Welfare Aziendale.

***

La cura delle persone passa dal welfare. Promuovere benessere dentro e fuori

Il welfare aziendale si arricchisce di un nuovo player: è BluBe, la divisione  welfare CIR food nata a gennaio 2018 dalla Business Unit BluTicket, specializzata nei servizi sostitutivi di mensa. D’altra parte, il mercato del welfare aziendale è in forte ascesa: una recente ricerca ne ha stimato il valore in circa 21 miliardi di euro nel caso in cui tutti i dipendenti di aziende private possano godere di piani dedicati (si consideri che l’ultima finanziaria vale circa 20 miliardi…). In realtà la nascita di BluBe è solo l’ultimo step di un percorso iniziato nel 2016 all’interno di CIR food, quando l’azienda ha introdotto NoixNoi, il programma di welfare aziendale dedicato ai soci e dipendenti della Cooperativa. Da lì il passo verso l’apertura al mercato è stato breve, visto che la divisione BluTicket ha rivestito il ruolo di ‘provider interno’ per l’attivazione del welfare legato ai servizi, testando quindi in concreto le sue potenzialità in questo settore. Dopo meno di due anni è così nata BluBe a seguito di u  operazione di riposizionamento della Business Unit, utile per comunicare al mercato un’offerta ben precisa, non più legata alla sola erogazione di buoni pasto. Dietro BluBe, infatti, c’è una vera e propria nuova filosofia: il nome ha la radice storica ‘Blu’ che ha caratterizzato da sempre questa realtà, a cui si aggiunge la parola inglese ‘Be’ a conferma della volontà di mettere sempre di più la persona al centro del proprio business. Il risultato? “Un’offerta e un approccio al mercato che rispecchiano questo concetto e che trovano la loro sintesi nella filosofia di BluBe: Work, live, be more”, racconta Riccardo Gismondi, Direttore della divisione BluBe.

Una storia fatta di cibo, cultura e persone

La divisione BluTicket nasceva già 20 anni fa, vantando come core business il buono pasto cartaceo. Il processo di trasformazione ha portato poi al buono elettronico e oggi ai servizi di welfare aziendali. “BluBe pone le sue fondamenta sugli assi valoriali che da sempre hanno ispirato il gruppo CIR food”, spiega Gi  ondi, “ovvero: cibo, cultura e persone”. Proprio per questa ragione l’offerta si mostra fortemente variegata, consentendo alle imprese di soddisfare in modo personalizzato e flessibile i bisogni dei dipendenti, anche quando non sono al lavoro. BluFlex consente l’erogazione di un credito welfare per accedere a servizi legati all’assistenza, all’istruzione, al tempo libero, alla cura della persona, alla cultura, alla previdenza complementare o allo shopping. BluGift è invece il buono regalo personalizzato e flessibile (spendibile anche online) ideato per premiare i dipendenti, gratificare i clienti e incentivare i collaboratori. Seguono poi le possibilità connesse al servizio sostitutivo di mensa, ovvero il buono pasto, erogato sia in formato cartaceo (BluTicket) sia elettronico (BluEasy e BluTicket Card). “La nostra offerta è stata progettata pensando alle necessità e ai bisogni non solo delle grandi imprese, oltre che a quelle di dimensioni più ridotte, vista la nostra capacità di immaginare con ogni cliente  empre qualcosa di nuovo”, sottolinea Gismondi.

Benessere dentro e fuori l’azienda

Nel sempre più affollato mercato del welfare, BluBe vuole però ritagliarsi il suo spazio come player che non intende proporre solo prodotti, ma pure costruire una cultura d’impresa legata al welfare. La Business Unit è tra i soci dell’Associazione italiana welfare aziendale e come tale si configura come uno dei player che può collaborare con le aziende per impostare concreti piani di welfare. “Siamo convinti che le aziende attente al momento della pausa pranzo racchiudano al loro interno una naturale propensione alla cura della persona”, considera Gismondi. “Rimettere in posizione centrale il benessere dei propri dipendenti è il primo passo da compiere per implementare un piano welfare di successo”. BluBe è anche attenta a sviluppare un welfare che vada oltre i confini aziendali: l’obiettivo è coinvolgere strutture cooperative locali per innescare un legame concreto tra azienda e territorio, così che l’organizzazione possa gene  re benefici pure per la realtà nella quale si trova a operare. www.blube.it